L’Epson Home Cinema 1440 è uno degli ultimi arrivati di casa Epson, studiati per gli ambienti con problemi di luminosità, come locali e bar sportivi. Se state cercando un dispositivo che vi permetta di proiettare concerti live durante le vostre serate, l’Home Cinema 1440 è la soluzioni ottimale. Questo nuovo proiettore è in grado di emettere sino a 4400 lumen, proiettando un video HD 1080p, su una superficie schermo che va dai 3,81 metri ai 5,8 metri di grandezza, senza mai dover spegnere la luce.

HC 1440 è un modello compatto, che pesa poco più di 4,5 Kg ed è facilmente installabile senza conoscenze particolari in materia di proiettori.

Prime impressioni

Qualità dell’immagine

L’HC 1440 si distingue per l’alto rapporto tra la resa luminosa dell’immagine in HD e il suo prezzo di listino. Da scheda tecnica, infatti, il proiettore ha una potenza massima di 4400 lumen. Sul test svolto da noi, partendo dal preset più luminoso, ovvero il preset Dynamic, abbiamo misurato sino a 4350 lumen in uscita.

Le due modalità Cinema hanno un bilanciamento del colore più neutro e una potenza massima di 2800 lumen. In questo senso, invece, la modalità Dynamic presenta una tendenza al verde, anche se poco significativa. Così, la domanda che ci dobbiamo porre è se siamo disposti a rinunciare ad 1/3 della luminosità per ottenere dei colori più affidabili.

Nella maggior pare degli utilizzatori, la risposta sarà no. Perché l’HC 1440 nasce come dispositivo adatto alle proiezioni di partite e incontri sportivi, ideale per essere utilizzato su grandi schermi, in ambienti molto luminosi. Ed uno dei motivi per cui viene acquistato sono proprio quei 4000+ lumen garantiti dal proiettore.

Inoltre la tendenza al verde del preset Dynamic dell’HC 1440 è davvero irrisoria, offrendo un quadro comunque coinvolgente ed emozionante. Nonostante quello che un professionista potrebbe dire a riguardo, nessuno si renderebbe conto di questo difetto, durante una festa o un match sportivo, perché la maggior parte dei colori sembrerebbe comunque più che naturale. Potrebbero sembrare tendenti al verde solo i colori blu a bassa saturazione, ma tutti gli altri colori saturi sono solidi e precisi.

Nonostante ciò, un modo semplice per migliorare la qualità dell’immagine senza preoccuparsi di fare una calibrazione professionale c’è. Accedendo al menù sullo schermo, seguendo il percorso Immagine / Avanzate / RGB, è necessario scegliere il comando Offset G e portarlo da 0 a -1. Questa piccola regolazione vi permetterà di eliminare una buona quantità di verde dai colori, migliorando la saturazione degli stessi e il contrasto immagine, rendendo migliori i toni rosa dell’incarnato. Allo steso tempo, però, riduce il flusso luminoso solo del 3%, garantendo per buona parte i 4200+ lumen promessi dal dispositivo.

Nitidezza dell’immagine

Per quanto riguarda la nitidezza dell’immagine, l’HC 1440 è dotato di un controllo apposito che va da -5 a +5. Nelle impostazioni di fabbrica, questo valore è impostato di default a 0, in tutte le modalità colore. Questo preset, però, non offre a nostro parere, una giusta nitidezza d’immagine. Nell’HC 1440 gli algoritmi che regolano la nitidezza non producono una accentuazione dei contorni d’immagine, come fanno la maggior parte dei dispositivi ma restituisce invece un’immagine molto più raffinata, ma artificiosa, del previsto.

È possibile aumentare la nitidezza a +2 o +3 per produrre un quadro notevolmente più nitido, senza però dare effetti che lo facciano apparire più duro o artificiale. Potete trovare la vostra impostazione preferita, ma in questo caso i controlli di nitidezza non sono affatto spenti come ci si potrebbe aspettare.

Riduzione del rumore

Un discorso analogo lo possiamo fare per i filtri di riduzione del rumore. Le modalità di colore impostate di default è la NR1, anche se sono previste tre opzioni: Off, NR1 e NR2. I filtri di riduzione del rumore riescono a ridurre il disturbo digitale con una minima perdita di nitidezza immagine, ma in questo caso l’impostazione di default è già sufficiente.

La NR1 è la soluzione ottimizzata, poiché impostando il preset su Off il rumore sembra essere comunque troppo forte.

L’HD 1440 offre tre preset di colori diversi in modalità Dynamic; Bright Cinema, Cinema e Game. Stranamente, tutte queste modalità preservano i 2800 lumen. Le due modalità Cinema, hanno una resa colore più accurata rispetto al preset Dynamic e una qualità dell’immagine più dolce e raffinata.

Ma una differenza, molto sottile, c’è ed è tra le impostazioni Bright Cinema e Cinema: queste due modalità sarebbero più appropriate per ambienti con scarsa luce ambientale. Se non abbiamo bisogno della luminosità a piena potenza del preset Dynamic, però, opterei per la funzione Cinema.

Input lag

La modalità Game, invece, misura un input lag pari a 56ms, quindi non è esattamente la scelta ideale per gli appassionati dei videogiochi che desiderano tempi più veloci di risposta (l’Epson HC2040 misura 24ms, quindi potrebbe essere sicuramente una scelta migliore se avete questi interessi).

Nel complesso l’HC 1440 è un proiettore ideale per gli ambienti luminosi, come feste, locali, party, e per proiezioni su grande schermo HD in ambienti con luce ambientale troppo forte.

Caratteristiche

Luminosità. L’Epson Home Cinema 1440 raggiunge 4400 lumen di luce bianca e 4400 lumen colore. Offre quattro modalità operative impostate in fabbrica ma non ha nessuna modalità customizzabile da parte dell’utente. Con la lampada a piena potenza e l’obiettivo impostato sull’apertura più ampia, l’unità di prova prodotto ANSI lumen ha registrato le seguenti letture:

Epson Home Cinema 1440 ANSI Lumens

MODE Normal Lamp Eco mode
Dynamic 4350 3175
Bright Cinema 2810 2051
Cinema 2800 2044
Game 2790 2037

Zoom ottico. L’HC 1440 ha un obiettivo zoom 1.65x che può limitare l’emissione luminosa fino al 36%, non appena ci si sposta dall’apertura grandangolare, più luminosa, a quella in teleobiettivo. Questa perdita di luminosità non è insolita per dispositivi ed obiettivi di questo tipo: in questi casi è necessario pensare di installare il proiettore più vicino possibile allo schermo, per poter sfruttare la potenzialità di proiezione del grandangolo.

Modalità Eco. La modalità ECO dell’HC 1440 riduce la potenza luminosa del 27% su tutti i preset, limita il rumore genera dalla ventola e aumenta la durata della lampada che dalle canoniche 3000 ore può arrivare a durare anche 4000 ore.

Uniformità della luminosità. La luminosità è uniforme su quasi l’84% della superficie proiettata, con una sfumatura appena accennata in alto a destra e all’estrema sinistra dello schermo. L’uniformità, nonostante tutto, rimane eccellente.

Input lag. Secondo il misuratore Bodnar, il ritardo d’ingresso è pari a 73 ms in modalità Fine e a 56 ms in modalità Fast.

Disturbo della ventola. Il rumore della ventola dell’HC 1440 è abbastanza moderato se ci si trova in una stanza silenziosa. In modalità Full Lamp, invece, diventa evidente e noioso e certamente più forte di quello prodotto da un tipico proiettore Home Theater, caratteristica comune per i proiettori che producono tutta questa quantità di luce in proiezione. Se state guardando un match di golf e Bubba Watson in uno dei suoi lanci, con il silenzio intorno al giocatore, non è possibile confondere il rumore della ventola interna con altri suoni. E questo non deve sorprenderci perché stiamo parlando di un dispositivo dalle dimensioni piuttosto ridotte per la quantità di luce prodotta e il rumore della ventola si può difficilmente camuffare.

Dobbiamo fare, però, un discorso diverso per la modalità Eco. Il disturbo scende sensibilmente, per cui il rumore diventa molto più tranquillo e accettabile anche se stiamo proiettando all’interno di una piccola sala, come se fosse un Home Theater.

La modalità Alta Quota, invece, viene impostata quando ci ritroviamo ad installare il dispositivo al di sopra dei 1500m di altitudine. In questo caso, dobbiamo nascondere dietro una parete il proiettore se vogliamo proiettare in una piccola sala, mentre se stiamo proiettando in ambienti ampi, e stiamo proiettando una partita o un match sportivo, non ci sono grandi problemi.

Durata della lampada. Epson stima la durata della lampada a piena potenza intorno alle 3000 ore in modalità Normal Lamp e 4000 in Modalità Eco.

Impostazioni

L’Epson Home Cinema 1440 proietta un’immagine da 120 pollici, su una diagonale in 16:9, se posizionato tra i 3,5 metri e i 5,8 metri di distanza dalla superficie di proiezioni, ed è abbastanza luminoso per proiettare anche su uno schermo da 180 pollici. In questo caso si dovrà posizionare tra i 5,3 metri e gli 8,8 metri di distanza. Sarà comunque molto utile utilizzare la calcolatrice per determinare l’effettiva distanza di proiezioni per poter ottenere l’effetto desiderato.

Dal momento che l’obiettivo aperto in teleobiettivo limita l’emissione di luce del 36%, potrebbe essere necessario posizionare più vicino il proiettore per sfruttare le qualità del grandangolo e la sua luminosità.

Non c’è la possibilità di spostare l’ obiettivo. L’HC 1440 protetta l’immagine in modo che la sua collocazione ideale sia su una mensola o in una posizione più rialzata, ma comunque appena sopra le teste del pubblico.

Il posizionamento dell’immagine proiettata è per l’88% al di sopra della linea centrale della lente, mentre il 12% è sotto tale linea. Questa caratteristica gli permette di essere posizionato su uno scaffale o un supporto senza un ulteriore inclinazione. Se si desidera montare il dispositivo a soffitto, invece, potreste incontrare qualche problema maggiore poiché in questo caso avrete bisogno di un ulteriore accorgimento, ad esempio un braccio prolunga dal soffitto, che vi permetta di posizionarlo alla giusta altezza e alla corretta angolazione di proiezione, senza dover inclinare il dispositivo. Anche se il manuale non indica nessuna inclinazione massima, è bene non superare mai i 15°, poiché inclinandolo maggiormente si potrebbe interferire con il suo dispositivo di raffreddamento.

Alcuni proiettori sono costruiti per resistere anche ad installazioni non orizzontali, ma l’HC 1440 non è uno di loro. Come potrete notare più avanti, il corpo dell’HC 144o ha una profondità di circa 29 cm, caratteristica che ci permette di posizionarlo su uno scaffale almeno fino a ché vi sia lo spazio sufficiente ai lati e nella parte superiore, per la dissipazione del calore.

Attenzione! A causa dell’angolatura molto accentuata di questo dispositivo, potreste essere tentati di invertire e posizionarlo su uno scaffale alto. Non invertite mai un proiettore per farlo poggiare sul lato superiore, per evitare il surriscaldarsi dello stesso.

Installazione e trade-off

Distanza di proiezione ideale. Dove si trova la collocazione ideale per un dispositivo con zoom 1,6x,per il quale si può scegliere se montarlo a soffitto o altrove, tra 3,5 metri e i 5,8 metri di distanza e che può proiettare su unoper colpire uno schermo da 120 “?

Ecco tre possibilità:

  1. se si posiziona a 3,6 m di distanza dallo schermo, si ottiene la massima emissione di luce dal proiettore. Lo svantaggio di questa impostazione è che il cono di luce proiettato sarà molto ampio e tenderà a rimbalzare ai lati, lontano dal centro del cono di proiezione, compromettendo l’illuminazione dello schermo;
  2. se si posiziona a 5,8 metri, si ottiene una proiezione con emissione minima di luce. Il vantaggio che ne consegue è quello di restringere il cono di luce proiettato, garantendo una illuminazione più uniforme poiché la luce colpisce i lati dello schermo e non ha la forza di rimbalzare all’esterno;
  3. se lo posizioniamo tra i 4,5 e i 4,8 metri di distanza dalla superficie di proiezione, otteniamo dei compromessi analoghi a quelli già descritti. In teoria, il punto debole di quest’ottica è proprio nel suo punto medio, ma la risoluzione dell’immagine a 1080p tende a camuffare questo inconveniente.

Degrado della lampada. Nell’ideare e progettare l’installazione ottimale del vostro HC 1440, sappiate che è sempre buona regola ricordare che ogni lampada perde il 25% della propria luminosità dopo le prime 500 ore di proiezione e che successivamente, il degrado sarà più lento ed uniforme. Sapendo questo, molti scelgono di conseguenza la dimensione dello schermo proiettato e la distanza di proiezione, impostando la modalità Eco almeno per le prime 500/750 ore di funzionamento. Raggiunto questo traguardo, potranno passare alla modalità Full Lamp per il resto della vita della lampada.

Seguendo questa strategia, possiamo anche impostare i livelli medi di luce sullo schermo, in relazione alla vita della lampada stessa. Però, se avete bisogno di una emissione piena a 4000+ lumen, basterà ricordarsi di sostituire più frequentemente la lampada.

Pregi

Ottimo rapporto qualità/prezzo. Perfetta combinazione tra alta risoluzione, alti lumen e luminosità del colore, ad un prezzo ottimo.

Pratico da trasportare. Con un peso di soli 4 chili, l’HC 1440 è facilmente trasportabile. L’altoparlante da 16 watt integrato, offre la possibilità di avere un suono avvolgente anche quando lo usate in mobilità.

Zoom a lungo raggio. Con uno zoom da 1.65x, questo dispositivo ti consente di proiettare perfettamente su uno schermo di 120”, partendo da una distanza di proiezione sia di 3,5 m, sia di 5,8 m.

Stream HD. L’HC 1440 supporta tutti i dispositivi MHL-enabled, Chromecast, Roku Streaming Stick e Amazon Fire TV Stick.

Visualizzazione Split Screen. L’HC 1440 ti permette di guardare due spettacoli contemporaneamente, con la possibilità di visualizzare le immagini affiancate sia di eguali dimensioni, sia di dimensioni differenti tra loro, mentre è sempre possibile avere una immagine completa di entrambi i segnali.

Disturbo della ventola in modalità Eco. Il rumore della ventola è sorprendentemente basso in modalità Eco per un proiettore di queste dimensioni e luminosità.

Sostituzione della lampada. Estremamente economica, molto più di quelle della concorrenza.

H+V keystone. L’HC 1440 permette la correzione di +/- 30 gradi in verticale e +/- 20 gradi in orizzontale.

Sicurezza. La protezione con password è opzionale, e il proiettore è dotato di un lucchetto di sicurezza.

Difetti

Nessuna funzione 3D. Se il 3D è la vostra passione, vi conviene scegliere un altro dispositivo.

Nessun lens shift. Molti utenti avrebbero apprezzato la possibilità di spostare l’obiettivo, anche solo per facilitarne l’installazione. Poiché non è data questa possibilità, prestate molto attenzione al posizionamento ed al suo set-up.

Niente frame interpolation. Queste caratteristiche sono presenti su molti proiettori home cinema Epson, ma non sono sull’HC 1440.

Disturbo della ventola. In modalità Normal, il rumore della ventola è superiore a quello auspicabile, soprattutto perché si tratta di un proiettore in Home Theater, anche se estremamente silenzioso in modalità Eco. Ma questo elemento non costituisce un problema se si utilizza questo video proiettore per proiettare match ed eventi sportivi, partite di calcio o concerti dal vivo.

Formato 16:10. Molto probabilmente per il cinema si userà il formato in 16:9, impostando l’HC 1440 in modo che riempia interamente lo schermo e che scompaiano le piccole bande nere che di solito incorniciano la parte alta e la parte bassa dell’immagine stessa. Al contrario, se si ha un’immagine in 16:9 e la si proietta su uno schermo in 16:10, le barre superiori ed inferiori compariranno nuovamente,.

Filtro dell’aria. Il filtro dell’aria richiede una pulizia periodica, che è facile da fare utilizzando un piccolo aspirapolvere, come quelli che si sano per pulire la tastiera del computer. Quante volte è necessario fare questa operazione, è un dato che dipende da quanta polvere c’è nella stanza. Se si dimentica di farlo periodicamente, il filtro si intaserà con il tempo, provocando il surriscaldamento dell’unità che si spegnerà automaticamente.
Confronto con la concorrenza

L’Epson HC 1440 si posiziona molto bene rispetto alla concorrenza anche se, in commercio, ci sono molti proiettori HD 1080p DLP, valutati a 4000 o più lumen, con caratteristiche migliori e a prezzi più bassi di questo. Per quale motivo?

Perché, a questi valori di luminosità, la maggior parte dei proiettori DLP continua a fare affidamento sui bianchi, piuttosto che sulla ruota dei colori, per aumentare i valori di misurazione dei lumen ANSI. Questo, in effetti, incrementa la produzione di luce, ma lascia i colori relativamente piatti (se vuoi un approfondimento sulla differenza tra la luminosità dei bianchi e del colore, leggi questo articolo).

A titolo di esempio, prendiamo il nuovo Dell 4350, un proiettore DLP 1080p valutato a 4000 lumen e meno costoso di questo. Quando abbiamo misurato i lumen con la misurazione standard ANSI, abbiamo registrato sino a 3907 lumen. Tuttavia, quando abbiamo misurato singolarmente le componenti colore del rosso, verde e blu, queste non hanno superato i 694 lumen.

Se facciamo un confronto, l’Epson HC 1440 misura 4200+ lumen anche nelle singole prove colore. In questo caso, la differenza con il Dell 4350 non si vede ad occhio nudo: se confrontate le immagini dei due dispositivi affiancati, i colori sono molto più vivaci e saturi.  

Questo non vuol dire che tutti i proiettori DLP si comportino in questo modo. I proiettori DLP, ideati per l’home theater, sono dotati spesso di ruote colore RGBRGB, che forniscono la quantità di luce e di colore ideale per una definizione maggiore della proiezione. La presenza di questa ruota colori nei proiettori DLP più recenti, li apre verso una misurazione della luminosità e del colore ancora più elevata di quelli visti su altri proiettori DLP.

Tuttavia, quando guardiamo i proiettori DLP a basso costo che sono stimati a 4000 lumen, ci rendiamo subito conto di come la luminosità della proiezione sia data più dai bianchi che non dai colori. Quindi, se state cercando un video proiettore luminoso, in grado di emettere sino a 4000+ lumen, tenete bene a mente queste differenze di prestazioni.

Conclusioni

In conclusione, l’Epson HC 1440 è un proiettore eccezionale, con un prezzo altrettanto eccezionale. Questo dispositivo offre una risoluzione Full HD e una emissione a 4000+ lumen del colore e dei bianchi ben bilanciati: caratteristiche che lo rendono l’ideale per l’intrattenimento a casa, dove la luminosità degli ambienti è sempre più alta del necessario, o per qualsiasi ambiente in cui è necessario proiettare un video luminoso.

L’HC 1440 non avrà le solite funzioni che abbiamo trovato anche in altri proiettori home cinema Epson, come l’interpolazione dei frame, il miglioramento dei dettagli e la funzionalità 3D, ma offre un video HD semplice e luminoso che, in situazioni di luce ambientale diffusa, è difficile da battere.