Optoma HD26L’Optoma HD26 è un ottimo proiettore Full HD economico (al di sotto dei 1000€); si tratta del secondo prodotto dell’Optoma per questa fascia di mercato.

Come molti produttori di fascia economica punta su una alta luminosità e una buona risoluzione e qualità dell’immagine, pur presentando qualche caratteristica che normalmente si trova su prodotti di fascia più alta.

Tra i molti prodotti che si collocano in questa fascia di prezzo, l’Optoma HD26 è decisamente un’ottima scelta, ha una durata della lampada abbastanza elevata (6.500 ore in modalità Eco) da farne un’ottima scelta sia come alternativa ad una tv sia per i videogiochi; il peso ridotto e la facilità di configurazione inoltre ne consentono un facile trasporto.

Prime impressioni

Nonostante le caratteristiche ne dipingano una elevata luminosità, la modalità standard (Cinema) è tarata per avere un’immagine equilibrata con dei colori molto saturi, piuttosto di una eccessivamente luminosa (la luminosità registrata è di 1000 lumens), anche se i settaggi del bianco richiedono qualche ritocco. La definizione è ottima e i dettagli sono resi molto bene; la profondità del nero ioltre è superiore a quella di molti altri proiettori DLP,

Una nota dolente per chi soffre del famoso Rainbow effect è che con questo proiettore l’effetto è piuttosto marcato, per cui se sapete di esserne soggetti vi consigliamo vivamente di provare questo proiettore prima dell’acquisto

A differenza del predecessore, è possibile modificare i parametri di fabbrica delle varie modalità, senza dover utilizzare la modalità personalizzata, utile per chi usa il proiettore sia per film che per giochi e vuole cambiare rapidamente impostazione.

L’ HD26 è Full HD 3D Compatibile, e offre una buona esperienza pur senza staccarsi nettamente dagli altri proiettori di questa fascia. Va comunque ricordato, come per tutti i proiettori, che la resa dell’immagine in 3D dipende molto dalla qualità degli occhiali – che non sono inclusi nella confezione – ma il link per gli occhiali è standard e in commercio si trovano modelli a buon prezzo.

Il proiettore è anche dotato di una funzione di conversione “3D a 2D”, per poter vedere normalmente in 2D un film in 3D (in pratica viene trasmessa solo un’immagine invece delle due sfasate per occhio destro e sinistro).

L’Optoma HD26 inoltre è compatibile con accessori per convertire da 3d attivo a passivo (ma oltre al convertitore vi servirà anche uno schermo argentato). E’ infine dotato di una porta VESA 3D sync per chi preferisce occhiali con tecnologia RF (radiofrequenza) o IR (infrarossi).

MHL (Mobile High-Definition Link): Uno standard che oramai si sta affermando sopratutto nel settore del home theather che permette di collegare il proiettore con dispositivi mobile (smartphone o tablet) o con apparecchi come il Chromecast, per vedere sul proiettore contenuti in streaming senza necessità di collegamenti via cavo.

Rumorosità. il videoproiettore è molto silenzioso (più di molti prodotti di pari fascia)

Lampada: come già accennato sopra, la durata di vita della lampada è buona (5000 ore che diventano 6500 in modalità Eco); questo, unito al costo relativamente basso delle lampade di ricambio, rendono decisamente contenuti i costi di mantenimento

Ritardo del Segnale: pur non essendo un proiettore dedicato al gaming, il ritardo è di solo 33 millisecondi (circa due frame), rendendo l’HD26 uno dei proiettori più veloci in questa fascia di prezzo.

Degna di nota è la possibilità di montare lenti anamorfiche per trasformare l’aspect ratio da 16:9 a 2,4:1, cosa che molti proiettori ben più costosi non permettono di fare (anche se va detto che le lenti anamorfiche più economiche sul mercato costano comunque il doppio di questo videoproiettore)

Caratteristiche

Luminosità

Nonostante i 3200 Lumens dichiarati, a causa di un bug nel firmware da test  il proiettore non supera i 1732 lumens in modalità Bright (comunque ben di più di quanto necessiti l’utilizzo normale). Con l’aggiornamento del firmware i risultati dei test (non svolti da noi) hanno misurato 3041 lumens. Ad ogni modo usare il proiettore ad una simile luminosità fa perdere enormemente contrasto, definizione del colore e ombreggiature all’immagine, tanto da essere una impostazione da usare solo nei casi in cui sia indispensabile il massimo output luminoso.

La modalità Cinema offre una luminosità di 1056 lumens, con dei colori ed un contrasto decisamente migliori ed una visione nel complesso molto più equilibrata. In modalità economica la luminosità scende a 813 lumens (comunque buona anche per una stanza non perfettamente buia) allungando di parecchio la vita della lampada.

Contrasto

Nella modalità Cinema il contrasto è soddisfacente e il livello del nero è leggermente migliore rispetto alla media dei proiettori di questa fascia. Invece dell’iride automatica, questo proiettore utilizza il DynamicBlack, una funzione che regola la potenza della lampada in funzione dell’immagine da proiettare. Pur funzionando bene, questo sistema ha un certo ritardo nell’adattamento della lampada, per cui si può arrivare a percepire una leggera variazione della luminosità dopo che si è passati da una scena all’altra.

Colore

La modalità Cinema è piuttosto efficiente dal punto di vista del colore, anche se il consiglio è di aumentare leggermente il verde per un’immagine più equilibrata

Pregi

Costi contenuti

Il prezzo del proiettore, unito alla durata di vita della lampada lo rende adatto a chi cerca una soluzione entry level per l’home cinema

Durata

La durata di vita della lampada è buona e il costo dei ricambi è più basso della media dei prodotti concorrenti

Caratteristiche di alto livello

L’HD 26 presenta alcune caratteristiche che sono assenti anche in proiettori ben più costosi (Porta Vesa 3D, possibilità di montare lenti anamorfiche, possibilità di convertire in 3D passivo). Molte di queste sono inutili per il grande pubblico ma per utenti con particolari esigenze possono rendere questo proiettore la scelta ideale.

Difetti

Calibrazione del colore

A differenza di molti altri proiettori, esiste una sola regolazione per ogniuno dei tre colori primari (non c’è regolazione separata Contrasto/Luminosità) e questo rende più difficile una regolazione precisa

Luminosità

Sembra un paradosso elencarla tra i difetti, ma anche se in modalità luminosa l’HD26 raggiunge e supera i 3000 lumens, i colori perdono nettamente qualità e saturazione. Pur essendo una buona configurazione in ambienti molto luminosi, per guardare film non va assolutamente bene, per cui nonostante i 3200 lumens dichiarati, considerate che per uso Home Theather questo proiettore ne genera soltanto 1000

Posizionamento:

Lo zoom ottico è un risibile 1.1:1 (un passo indietro rispetto al predecessore), inoltre manca completamente il lens shift, e questo fa si che il posizionamento sia una operazione da fare con molta precisione.

Conclusioni

Come per tutti gli altri videoproiettori, non bisogna lasciarsi condizionare dalle caratteristiche dichiarate nella scelta del prodotto. Sulla carta infatti l’HD 26 è un proiettore estremamente luminoso, adatto per zone giorno e ambienti con presenza di forte luce ambientale. In realtà questa macchina da il meglio di se in ambienti scuri, e si tratta di un ottima scelta entry level per chi si avvicina per la prima volta al mondo della videoproiezione per home theather.

Il proiettore è poco flessibile nel posizionamento e alcune calibrazioni sono limitate, tuttavia è fornito di una serie di caratteristiche di alto livello come la porta VESA 3D, la possibilità di montare lenti anamorfiche, il basso ritardo dell’input e la lunga durata di vita della lampada.