ASUS P1L’ASUS P1 è un proiettore che si colloca a metà strada tra un pico proiettore e un proiettore portatile. Più piccolo della maggior parte dei portatili ma più grande di un  pico, l’ASUS P1 è un leggero (peso 422gr) proiettore DLP con risoluzione nativa 1080×800.

 

Molto luminoso per un proiettore di queste dimensioni, l’ASUS P1 ha una luminosità dichiarata di 200 lumens, adatta a stanza di medie dimensioni anche in presenza di luce. Alcune delle soluzioni tecniche presenti nell’ASUS P1 ci hanno lasciati un po perplessi: questo proiettore manca di altoparlanti interni e di connessioni HDMI, inoltre le porte di ingresso non sono sul retro – come nella maggior parte dei casi – ma sul lato destro. Vista la leggerezza del proiettore, se il cavo è attorcigliato può arrivare a spostare il proiettore. L’ASUS P1 è anche dotati di una funzione keystone automatica, che pur essendo utile per un rapido posizionamento, diventa fastidiosa e deve essere disabilitata per chi la correzione keystone (con relativa degradazione dell’immagine) la vuole evitare.

Prime impressioni

Lo zoom ottico è assente, come quasi tutti i proiettori di queste dimensioni; è invece sorprendentemente fluida la messa a fuoco (solitamente un po’ problematica nei proiettori portatili). L’ottica è una via di mezzo tra una normale e una corta, arrivando ad una diagonalle di 40” a poco meno di un metro. Per una presentazione in ambienti di medie o piccole dimensioni riuscirete ad ottenere un immagine grande e luminosa

Caratteristiche

Dimensioni: l’ASUS P1 è sicuramente  uno dei proiettori portatili più piccoli che si possano trovare (13 x 12,5 x 3,5 cm) e il suo peso è molto contenuto

Qualità dell’immagine: ottima qualità per le immagini dati, con un buon contrasto e una buona definizione. Per ottenere una buona qualità nelle immagini video è invece necessario “smanettare” un po con le impostazioni, sopratutto contrasto e luminosità

Risoluzione e aspect ratio: la risoluzione nativa di 1280×800 permette di riprodurre il formato 720p quasi perfettamente (l’aspect ratio diventa 16:10 invece di 16:9 e le barre nere sono molto piccole).

Pregi

Luminosità

l’ASUS P1 è uno dei pochi proiettori con una luminosità effettiva pari a quella dichiarata (anzi, leggermente superiore!). Nella modalità più luminosa (Dynamic) i test hanno registrato 225 lumens e 180 lumens nella modalità Standard. La modalità Theater raggiunge comunque i 145 lumens, più della maggior parte dei prodotti equivalenti. In modalità Eco la luminosità si riduce circa di un terzo.

Rumorosità

Probabilmente uno dei proiettori più silenziosi, in modalità Eco il rumore della ventola è praticamente inesistente.

Durata di vita

Con una sorgente luminosa al LED la durata di vita supera le 30.000 ore, rimuovendo il problema della sostituzione della lampada

Caricabatterie

Il caricabatterie dell’ASUS P1 è compatibile con i caricabatterie dei pc ASUS, cosa che vi consente di portarvene appresso uno solo.

Difetti

Connettività

L’input è limitato al VGA e al segnale composito, mancano completamente sia l’HDMI sia l’USB

Altoparlante

Trattandosi di un proiettore portatile sorprende un po’ la totale assenza di altoparlanti. Anche se è vero che un altoparlante da 1W (come spesso montano i proiettori di questa fascia) non è sufficiente per stanze di medie dimensioni, con l’ASUS P1 avrete per forza bisogno di una soluzione alternativa.

Posizionamento

Come quasi tutti i proiettori portatili, l’assenza di zoom implica che la diagonale ottenibile dipenderà in modo diretto dalla distanza a cui è possibile posizionare il proiettore

Conclusioni

L’ASUS P1 non è di certo il proiettore più economico nella fascia da 200 lumens, ma è sicuramente il più piccolo che si possa trovare con una simile luminosità.

La qualità dell’immagine è buona sia per contenuti dati sia per immagini. Se per lavoro vi muovete molto, fate spesso presentazioni “al volo” e non vi da fastidio l’assenza di altoparlanti integrati, vale la pena di considerare questo proiettore.